Romania made in Spain

by Ileana on ottobre 7, 2011

Oggi è stata una giornata all’insegna della Romania. Stamattina un incontro in fiera sul mercato editoriale romeno con Bogdan Stănescu (della casa editrice romena Polirom), Carlos Pardo (scrittore e direttore della libreria “Antonio Machado” di Madrid) e Luminiţa Marcu (direttrice aggiunta dell’ICR di Madrid). Conclusione? Be’, diciamo che l’editoria romena non naviga in buone acque, ma che almeno il panorama delle proposte letterarie continua a essere bello frizzante.

charla

A pranzo un salto allo stand (a proposito, è davvero strepitoso!) e poi tutti ad Argüelles alla sede dell’ICR per un breve saluto degli organizzatori e un buffet in compagnia della squadra dell’ICR capitanata per l’occorrenza dal direttore di tutti gli Istituti Romeni di Cultura del mondo Horia-Roman Patapievici, di scrittori come Dan Lungu e Filip Florin, di traduttori dal romeno allo spagnolo come la bravissima Marian Ochoa, editori come il caro  Enrique Redel di Impedimenta ed altra bella gente…

icr_liber

E alle 19, al Círculo de bellas artes, un’interessante tavola rotonda con gli scrittori Adriana Babeţi, Adrian Oţoiu e Cezar-Paul Bădescu, moderata da Simona Sora (critico letterario) in cui si è parlato di frontiere, di come – e se – debbano essere superate.

Autori romeni a Madrid. LIBER, Circulo de Bellas Artes Madrid

Sono riuscita a registrare un minutino della lettura di Adrian Oţoiu: che bella scoperta!