Passeggiate e chiacchierate letterarie…

by Ileana on ottobre 7, 2009

Ieri è stata una giornata davvero intensa. Mi sono svegliata alle 7 e fino alle 9:30 ho lavorato a un progetto che mi sta molto a cuore e del quale prima o poi parlerò.

Ore 10:30_ Io e Dan Lungu, ospite dell’ICR-MADRID in occasione della Fiera del Libro Liber 2009, ci incontriamo per adempiere una missione quasi impossibile: fare un giro della città in poco più di due ore. Scarpe comode ai piedi e via: Sol, Calle Arena, L’Opera, il Palazzo Reale, la Cattedrale, il Mercato de San Miguel, la Plaza Mayor, scorcio di el Paseo del Prado, Atoch… Che stanchezza! Ma passeggiare (correre sarebbe forse il termine più adatto) per Madrid con uno degli scrittori romeni più conosciuti, una persona così disponibile e simpatica che per di più ho avuto l’onore di tradurre non ha davvero prezzo.

Ore 13:00_ Torno a casa e mi metto ghiaccio sulla caviglia sinistra. Chissà se smetterà mai di tormentarmi.

Ore 15:00_ Esco nuovamente: appuntamento con Toño (amico interprete e traduttore dal romeno allo spagnolo) a Callao. Bellissima – e sempre troppo corta – chiacchierata. Toño è una di quelle persone con le quali si può parlare per 9 ore di fila senza sentire né lo stimolo della fame né quello del sonno… Una cosa tira l’altra, un libro tira l’altro, un pettegolezzo tira l’altro, una lingua tira l’altra (i nostri discorsi passano dallo spagnolo al romeno e all’italiano con una disinvoltura quasi imbarazzante)… e si fa l’ora di andare.

Ore 17:00_Comincia al Círculo de Bellas Artes la conferenza sulla letteratura romena organizzata dall’ICR. Mi emoziono al riabbracciare il direttore Horia Barna, che non sa di avere il merito di avermi indicato la via e di aver contribuito tantissimo alla decisione che mi ha portata a scegliere quello che oggi è il mio lavoro. Ci sono tante altre facce amiche. Sono felice.

6 ott Madrid

(Da sx.) Horia Barna, Gabriela Adame?teanu, Petru Cimpoe?u, Ion Vianu, Eugenia Popeang? Chelaru, Victor Ivanovici e Dan Lungu parlano della posizione dello scrittore prima e dopo il 1989, condividono col pubblico esperienze di vita professionale e privata. Interessante, interessantissimo.

Ore 19:30_Ha inizio la presentazione degli ultimi libri tradotti e pubblicati in Spagna: Novela del adolescente miope. Gaudeamus di Mircea Eliade pubblicato dagli amici di Impedimenta e tradotto da Marian Ochoa; Una mañana perdida di Gabriela Adame?teanu (Ed. LUMEN, tradotto da Susana Vásquez e Victor Ivanovici); Un santo en el ascensor di Petru Cimpoe?u, tradotto da Javier Marina e pubblicato da Icaria. ¡Soy un vejestorio comunista! di Dan Lungu e Corazones cicatrizados di Max Blecher tradotti da Joaquín Garrigós e pubblicati da Pre-Textos.

Sento una certa complicità con Garrigós quando parla delle difficoltà della traduzione del romanzo di Dan Lungu. Già, lo so bene!

Ore 22:30_Cena nel VIPS con Heini (traduttrice finlandese dal romeno e dallo spagnolo) e Toño.

Ore 00:30_ Altro ghiaccio sulla caviglia. Mi fa davvero male.